Luglio 9

L'Ungheria ha bisogno di una nuova ricetta per ravvivare la vita della sua popolazione: un ingrediente è il reddito di base incondizionato

L'Ungheria è un paese con uno dei peggiori sistemi di assicurazione sociale all'interno dell'UE. Il sistema sanitario è stato affamato dalle misure di austerità, le pensioni e gli aiuti alla disoccupazione sono stati drasticamente ridotti dopo la crisi finanziaria del 2008. Dieci anni dopo il paese ha fatto il suo definitivo salto nel nazionalismo con l'elezione Victor Orban, capo del nazionalista FIDESZ partito, come primo ministro. Da allora la libertà di stampa è stata messa a repentaglio e l'obiettivo principale del governo ungherese è stato quello di eliminare la crisi dei rifugiati chiudendo le frontiere e criminalizzando l'opposizione. Ultimamente i leader dell'opposizione sono stati accusati di lasciare che le persone muoiano di Covid-19 piuttosto che vaccinare la popolazione, perché potrebbero incolpare il governo di cattiva gestione prima delle elezioni nella primavera del 2022.

Come può prosperare l'idea di un reddito di base incondizionato in un clima del genere? Quali strumenti possono essere utilizzati dai sostenitori dell'UBI per informare la popolazione in queste circostanze? Diamo uno sguardo a questo paese socialmente e politicamente scosso. Abbiamo parlato con Zita Stockwell, una delle coordinatrici nazionali dell'ECI per l'UBI in Ungheria.

Zita, hoQual è la situazione delle prestazioni sociali nel tuo paese? Perché il tuo paese dovrebbe aver bisogno dell'UBI?

Zita: Si fa molto poco per sostenere socialmente le persone in Ungheria. L'imposta sul reddito è del 16% per tutti i lavoratori, il che la rende più vantaggiosa per i più ricchi e difficile per i poveri. Un membro del governo, János Lázár, ha anche detto: "Tutti valgono quanto hanno!"

Gli assegni familiari non vengono aumentati da oltre 10 anni; le pensioni sono insufficienti. I lavoratori autonomi, le piccole imprese, i ristoranti, tutti i servizi non ricevono alcun aiuto in tempo di Covid o altro. Gli sgravi fiscali sono riservati a chi è al lavoro. Molti hanno perso il proprio sostentamento con i blocchi e lottano davvero per sopravvivere.

La maggior parte di questo aiuto limitato è inutile, perché i proprietari hanno pochissimi o nessun risparmio.

Ad esempio la pensione minima in Ungheria è di € 80. Nessuno può sopravvivere con questo! Inoltre dobbiamo pagare tutti i farmaci, quindi cosa resta per l'alloggio o per mangiare?

Il tasso di disoccupazione è alto e le indennità di disoccupazione sono fornite solo per 3 mesi. Dopo questo le persone sono costrette al lavoro pubblico, che è un tipo di "lavoro in schiavitù" sia per i colletti bianchi che per gli operai. In cambio ricevono un reddito che nella maggior parte dei casi è solo "paghetta"! Ma le persone accettano questi lavori perché altrimenti perdono l'assicurazione pensionistica e staranno peggio nella loro vecchiaia.

Abbiamo sicuramente bisogno dell'UBI perché siamo secondi in fondo alla lista nell'UE per prestazioni sociali. È una società basata sul lavoro qui in Ungheria, non socialmente premurosa.

Come si sentono le persone nel tuo paese riguardo all'idea di un reddito di base incondizionato? Esiste un'ampia conoscenza dell'UBI tra la popolazione?

Zita: La ricerca mostra che in Ungheria oltre il 70% delle persone conosce l'UBI, ma con l'atteggiamento del governo contro di essa il sostegno sta diminuendo. Non è ampiamente supportato in quanto ci sono molte idee contrastanti su come funzionerebbe, da dove verrebbero le finanze, ecc.

I media fanno anche propaganda negativa per l'UBI dicendo che aumenterà l'alcol, i problemi di droga e favorirà la pigrizia. Pertanto molte persone stanno adottando questa opinione e non pensano ai benefici che porterebbe.

I partiti politici sostengono l'UBI? Se sì, quali e qual è la loro motivazione? (liberale / di sinistra)

Zita: DIALOGO PER L'UNGHERIA (Párbeszéd Magyarországért) un partito verde di sinistra è finora l'unico partito che ha inserito l'UBI nel suo programma politico. Supportano l'idea ormai da circa 8 anni.

La nostra Associazione, Prima Associazione Ungherese di Reddito Di Base Incondizionato, collabora con loro in occasione di eventi, conferenze e talk. Sostengono anche la nostra campagna ECI-UBI. Il nostro sindaco di Budapest Gergely Karácsony è anche un membro del loro partito.

Come sei coinvolto nei progetti e nelle attività che promuovono l'UBI?

Zita: Abbiamo creduto nell'idea di UBI da quando abbiamo formato la nostra Associazione nel 2011. Vorremmo che si realizzasse ORA e non riusciamo a capire perché le persone non sono consapevoli che è essenziale per tutti come un bisogno umano fondamentale!

Salute, sicurezza e persone che lavorano più felici potrebbero essere raggiunte in un breve periodo di tempo.

Hai una frase fondamentale che spiega la tua motivazione o convinzione?

“IERI ci speravamo, OGGI ci pensiamo, DOMANI non potremmo immaginare di farne a meno! – Questo è il REDDITO DI BASE INCONDIZIONATO!”

“Continua a parlare, continua a camminare! “

Questi sono i due motti molto importanti della nostra associazione.

Qualsiasi argomento aggiuntivo riguardante UBI e il tuo paese che desideri menzionare:

Zita: Ci piacerebbe cambiare il nostro governo, questo è il nostro augurio più caro!

Grazie Zita per questa intervista. Apprezziamo molto il tuo lavoro per UBI e ti auguriamo tanta energia!

Ecco alcuni fatti su Zita stessa:
Nome: Zita Stockwell
Vive a: Budapest
Età: 75
Stato di famiglia: divorziato
Professione: guida turistica

Qual è l'unica cosa che non diresti mai a nessuno? 😉
Ho avuto il privilegio di aver avuto l'opportunità di passare dalla terapia di bellezza ai viaggi grazie a un lavoro di traduzione nel 1988 alla Royal Opera House, Covent Garden e da allora ho lavorato per la stessa compagnia di viaggi. Vedere il mondo ed essere pagati per questo è stato un piacere. Speriamo che il virus mi lasci lavorare di nuovo, presto.

Se sei ancora convinto, sostieni la nostra lotteria UBI4ALL e il fidato difensore ungherese dell'UBI firmando il ECI!

Membri della Prima Associazione Ungherese UBI al Parlamento di Budapest.
Da destra a sinistra: Gyöngyi Szentpéteri (presidente della prima associazione ungherese di reddito di base incondizionato), János Horváth (ora deceduto), Gergely Joó (il nostro membro più giovane), Éva Dobos (tesoriere), Zita Stockwell (vicepresidente), Ursula Pflieger (vice Chair), Évamária Langer Dombrády (segretario e ancora di salvezza internazionale)

Articolo di Roswitha Minardi

Foto: blizniak su Pixabay



tag

eci-ubi, ungheria, povertà, previdenza sociale, previdenza sociale, ubi, ubi4all, reddito di base incondizionato


Potrebbe piacerti anche

Iscriviti subito alla nostra newsletter!