Luglio 30

Lettonia: un bel paese ai margini dell'Europa e ai margini della povertà?

La Lettonia, uno dei tre stati baltici, è diventata indipendente dall'occupazione russa solo nel 1990, durante il 2nd guerra mondiale il paese fu invaso dai tedeschi. La presenza di forze straniere per un così lungo periodo di tempo lascia ancora tracce nell'anima nazionale e nel modo di intendere la cittadinanza. Nel 2004 i suoi 3 milioni di abitanti sono diventati europei. Molte persone stanno lasciando il loro bellissimo paese d'origine per trovare condizioni migliori altrove. Nel 1990 il Paese contava 3,7 milioni di abitanti, nel 2020 ne erano rimasti 2,8 milioni. Il prognosi economica perché il paese non è ottimista, quindi ci sono cose da fare in fretta.

Ma la Lettonia ha anche molti abitanti incoraggiati, che vogliono cambiare le cose in meglio e prendere le cose nelle proprie mani. Uno di loro è Aija Lasmane, attivista dell'ECI UBI. Ci racconta le sfide per guadagnarsi da vivere in Lettonia, il sistema di sicurezza sociale e i suoi tentativi di informare i suoi concittadini sul reddito di base incondizionato.

Aija, com'è la situazione per quanto riguarda le prestazioni sociali nel tuo paese? Perché il tuo Paese dovrebbe aver bisogno dell'UBI?

Aija: In Lettonia, il sistema di sicurezza sociale è molto complesso e devono essere soddisfatte una serie di condizioni per averne diritto. Per un lungo periodo di tempo i benefici non sono stati aumentati e non corrispondono affatto all'effettiva situazione economica. L'Ombudsman lettone ha presentato ricorso alla Corte costituzionale per porre rimedio a questa situazione e nel 2020 la Corte costituzionale ha stabilito che le norme che determinano il livello di reddito minimo garantito, l'importo della previdenza sociale statale per i disoccupati con disabilità e gli anziani, nonché il norme che determinano la pensione minima di vecchiaia non è conforme al Satversme (Costituzione). Tuttavia, finora queste sentenze della Corte Costituzionale non sono state ancora eseguite; problemi con l'esecuzione delle sentenze sono stati individuati anche nel think tank di idee costituzionali di 11th di dicembre 2020 “Come rafforzare lo stato di diritto affinché una persona si senta al sicuro? Migliorare l'efficienza dell'esecuzione delle sentenze della Corte costituzionale. "

La Lettonia ha benefici sociali molto bassi, compreso il salario minimo. Così, ad esempio, poiché 1st di gennaio 2021, il reddito minimo garantito in Lettonia è passato dai precedenti 64 euro a 109 euro per la prima o unica persona del nucleo familiare e 76 euro per gli altri componenti del nucleo familiare. La soglia di reddito per una famiglia povera quest'anno è di 272 euro per la prima o unica persona del nucleo familiare e di 190 euro per le altre persone del nucleo familiare.

È interessante notare che ogni comune ha la facoltà di fissare la soglia di reddito di un nucleo familiare a basso reddito non superiore a 436 euro per il primo o unico componente del nucleo familiare e a 305 euro per gli altri componenti del nucleo familiare, ma non inferiore alla soglia di reddito di un famiglia povera (€ 272).

 Per nucleo familiareAltri membri della famiglia
reddito minimo109€
(€ 64 prima del 01.2021)
76€
Soglia di povertà (a livello federale)272€190€
Soglia di povertà (livello comunale)436€305€
Situazione attuale del reddito in Lettonia

L'importo minimo della pensione di vecchiaia è determinato in base all'anno di assicurazione di ciascuna persona. La pensione minima di vecchiaia è calcolata applicando un coefficiente di 1.1 alla base di calcolo della pensione minima di vecchiaia di € 136 (per le persone con disabilità fin dall'infanzia – € 163). Per ogni anno successivo superiore ai 15 anni necessari per l'erogazione della pensione di vecchiaia, l'importo è aumentato del 2% della base di calcolo della pensione minima di vecchiaia. Pertanto, per ogni anno eccedente l'anzianità di servizio oltre i 15 anni, si aggiungono € 2,72, per le persone con disabilità fin dall'infanzia – € 3.26 annui.
La pensione minima per disabili può variare tra € 136 e € 260, a seconda dei gruppi di calcolo da I a III e della forma di invalidità.

Dati compilati da Agenzia statale delle assicurazioni sociali (SSIA) per il 1° trimestre di quest'anno rivelano che il 72,96% dei pensionati percepisce una pensione inferiore o uguale alla soglia di rischio povertà (€ 441), 25.116 pensionati percepiscono una pensione di € 110, che è un euro in più di GMI.

L'importo della pensione minima e dei benefici sarà rivisto almeno ogni tre anni, il che significa anche che questi importi non possono cambiare di anno in anno.
Scioccante, vero?

Il salario minimo nel 2021 è fissato a 500 euro al lordo delle imposte, e ricadrà già sul conto del dipendente al di sotto della soglia di rischio povertà. Se viene applicato un minimo esente da imposta sul reddito personale di € 300, il dipendente riceverà € 418 in mano, ma se per qualche motivo non viene applicato il minimo non imponibile, allora rispettivamente € 358. Naturalmente, dopo la presentazione della Dichiarazione annuale, le imposte pagate in eccesso verranno recuperate, ma questo avverrà dopo il primo trimestre del prossimo anno entro tre mesi.

Va comunque tenuto presente che, secondo le statistiche, la soglia di rischio povertà nel 2019 (dati non ancora disponibili per il 2020) era di 441 euro, quindi non si tratta di riconoscere il GMI, il minimo vecchio -pensioni di età e invalidità e salario minimo conforme alla dignità umana.

L'indennità di disoccupazione è calcolata secondo la procedura generale se i contributi previdenziali statali sono stati versati per il dipendente per almeno 12 mesi in un periodo di 16 mesi. Il beneficio è determinato in base alla durata dell'esperienza lavorativa.

L'indennità di disoccupazione viene corrisposta per 8 mesi, e con ogni mese l'importo dell'indennità diminuisce - nei primi due mesi l'indennità è percepita nell'importo concesso, nel terzo e quarto mese - 75% dell'importo concesso, nel quinto e sesto mese – 50%, e nel settimo e ottavo mese – 45 % dell'importo del beneficio concesso.

 Assicurazione sociale
1-9 anni di esperienza lavorativa50% dello stipendio medio
10-19 anni di esperienza lavorativa55%
20-29 anni di esperienza lavorativa60%
Più di 30 anni65%
Percentuale dell'ultimo reddito pagato per 8 mesi, periodo in cui scende costantemente al 45%

Supponiamo che la durata dell'esperienza lavorativa del dipendente sia di 25 anni, in 12 mesi lo stipendio medio è stato di 500 euro, quindi l'indennità di disoccupazione calcolata sarà di 300 euro. Verrà corrisposto nei seguenti importi:

– 300 euro per i primi due mesi;
– nel terzo e quarto mese – 75% dell'importo del beneficio concesso, ovvero 225 euro;
– nel quinto e sesto mese – 50% dell'importo del beneficio concesso, ovvero 150 euro;
– nel settimo e nell'ottavo mese – 45% dell'importo del beneficio concesso, ovvero 135 euro.

Come le persone possono sopravvivere con un tale "beneficio" è un'altra questione.

Dal 1st di luglio 2021, principi per la concessione del sussidio abitativo sarà determinato in Lettonia, determinando la procedura per il calcolo e il pagamento dell'indennità di alloggio. L'importo è calcolato come differenza tra la somma del reddito minimo garantito (IGM – 109) per il nucleo familiare e la spesa effettiva e il reddito totale (utenze) del nucleo familiare (tutti conviventi).

https://lvportals.lv/skaidrojumi/323327-izmainas-vsaa-sniegtajos-pakalpojumos-2021-gada-2020

Come si sentono le persone riguardo all'idea di un reddito di base incondizionato? Esiste un'ampia conoscenza dell'UBI tra la popolazione?

Aija: La popolazione sembra essere divisa in due gruppi principali, uno che percepisce e sostiene rapidamente l'idea dell'UBI, e l'altro che la vede con sospetto e scetticismo paragonando l'UBI al sistema comunista. I primi sono il più delle volte persone a basso reddito, o che si trovano in una situazione precaria, lavoratori autonomi, o che non vedono una via d'uscita rapida dalla stagnazione economica del Paese.

Gli altri di solito si pongono la domanda: perché dovremmo pagare uno che è pigro e non ha voglia di lavorare? Ci sono anche degli scettici nel mezzo che non sono sicuri di come possiamo permetterci l'UBI, perché è così costoso, ma il nostro budget non può già fornire uno stipendio decente per coloro che lavorano in medicina, polizia e scuole (università). Uno dei miei amici una volta ha chiesto: "Ma possiamo permettercelo?" Ho risposto in modo molto convincente: "Sì!" Nient'altro, e ha subito firmato l'ECI-UBI. Non aveva nemmeno bisogno di una spiegazione su come sarebbe stato fatto; l'importante era che qualcuno confermasse che UBI è conveniente.

Va tenuto presente che siamo stati occupati per 50 lunghi anni, durante i quali sono cresciute due generazioni. Ci è stato insegnato che non dobbiamo pensare in modo diverso dalla leadership ideologica dello stato, non dobbiamo mostrare iniziativa, siamo passivi. Abbiamo anche paura di tutto ciò che ricorda in qualche modo il sistema socialista, perché abbiamo subito un trauma enorme, proprio come le persone che hanno vissuto relazioni fisiche o emotivamente violente. Questo trauma ci tiene ancora tutti sotto controllo, solo che si manifesta in modo diverso. Ci sono persone che sopportano la situazione, si trovano dentro e non la combattono; ci sono persone che semplicemente vanno in un altro paese perché lì tutto è meglio. Solo pochi cambiano la situazione e devono sentire l'atteggiamento sprezzante del potere.

In Lettonia pochissimi sanno e capiscono cos'è l'UBI. Per questo la nostra associazione ha chiesto un contributo e l'ha ricevuto miracolosamente. Il contributo ricevuto dalla Fondazione Islanda, Liechtenstein e Norvegia, gestita dal Fondo dei cittadini attivi, consente di preparare una serie di articoli sull'UBI con almeno dodici articoli su vari argomenti che trattano del reddito di base incondizionato e del suo impatto sui diritti sociali e sicurezza, giustizia, povertà e disuguaglianza, lavoro e lavoro autonomo, salute, istruzione, trasformazione verde, robotica e automazione, attività economica, democrazia e Stato di diritto, come l'UBI è in linea con gli obiettivi e i valori dell'UE, La Carta dei Diritti fondamentali e I 20 principi del pilastro europeo dei diritti sociali, sui temi della Conferenza sul futuro dell'Europa, ecc. Il primo articolo introduttivo è stato appena preparato.

I partiti politici in Lettonia sostengono l'UBI? Se sì, quali e qual è la loro motivazione?

Aija: Finora un solo partito, il Partito dei lavoratori socialdemocratici lettoni (LSDSP), ha espresso pubblicamente sostegno a UBI, e in questo caso si tratta solo di UBI durante la pandemia. Cito: “Il 49° Congresso dell'LSDSP ricorda la reiterata attenzione del partito alla possibilità di introdurre un sistema di reddito incondizionato durante la pandemia, che prevede di ricevere 250 euro al mese per ogni membro adulto della società e ulteriori 50 euro al mese per ogni bambino." LSDSP non è tra i partiti popolari.

Leader dell'LSDSP Jānis Dinevičs ha pubblicato un articolo su ECI-UBI sul quotidiano “Latvijas Avīze”, ma non ha provocato un grande aumento di firme a sostegno dell'iniziativa.

Invio regolarmente informazioni ai deputati del lettone Saeima (parlamento latino), ma finora non ho fornito supporto pubblico (orale o scritto). Solo uno dei deputati di Saeima ha accettato l'amicizia all'account del progetto Facebook Beznosacījuma Pamatienākumi.

Abbiamo creato un pagina Facebook, e finora ha solo tre follower. Entro la fine del progetto, il numero di follower dalla Lettonia dovrebbe aumentare ad almeno 100.

Come e anche perché sei coinvolto in progetti e attività che promuovono UBI?

Aija: Ho scoperto UBI per la prima volta solo nel 2017, quando la televisione nazionale ha tradotto un film di Christian Tod “Free Lunch Society”. Sono rimasto sorpreso che l'Europa parli di un argomento del genere, quindi ho iniziato a leggere un articolo dopo l'altro, a guardare un video dopo l'altro, finché in quei pochi anni sono diventato così esperto da poterne parlare da diverse angolazioni. La cosa più difficile per me è spiegare come verrà finanziata l'UBI (questa domanda viene sempre posta) perché non mi sento sicuro delle mie risposte. Forse sarà fornito dalle tasse, ma forse verrà creato un nuovo sistema monetario. Comunque, come Christine Lagarde, il presidente della Banca centrale europea, ha dichiarato: "Il sistema euro sarà sempre in grado di generare liquidità aggiuntiva secondo necessità, quindi per definizione non andrà in bancarotta né rimarrà senza soldi".

Sono coinvolto in ECI-UBI perché vedo UBI come parte integrante del futuro. Abbiamo bisogno di una base finanziaria che ci dia la possibilità di scegliere. L'UBI ha enormi potenzialità e, visti i cambiamenti ambientali ed economici, l'introduzione dell'UBI permetterebbe di mitigarli. Non vedo altro modo.

Al momento, in Lettonia c'è poco rispetto per i diritti sociali e il diritto del lavoro, ci sono sindacati molto deboli, operano principalmente in imprese statali, ma nel settore privato gli imprenditori non tengono conto delle norme legali. La disoccupazione è relativamente alta e se un dipendente non è d'accordo con il datore di lavoro, è facile licenziarlo. Nessuno che abbia un lavoro vuole perderlo nelle circostanze attuali.

Hai una frase fondamentale che spiega la tua motivazione o convinzione?

Aija: L'introduzione dell'UBI è in linea con l'ordine delle cose naturali: equilibra le relazioni e fornisce una base per la vita.

Qualsiasi argomento aggiuntivo riguardante UBI e il tuo paese che desideri menzionare:

Aija: Il team UBI sta appena iniziando a prendere forma, perché finora ho lavorato da solo, supportato da familiari e amici. Sembra che a tutti noi manchi il tempo per fare tutto ciò che volevamo, ci vuole tempo.

Spero che ci saranno cambiamenti in Lettonia, ma molto probabilmente arriveranno dall'Unione Europea, quindi uso questo tempo per informare sull'UBI, l'iniziativa, I 20 principi del pilastro europeo dei diritti sociali e la Conferenza sul Futuro dell'Europa, perché questi sono gli strumenti attraverso i quali ognuno di noi può fare la differenza. In modo pacifico.


Aija con il suo sguardo ottimista sul futuro della Lettonia con UBI

  • Il mio nome: Aija Lasmane
  • Sto vivendo in: Lettonia
  • La mia età: 55,5
  • Stato familiare: Singolo
  • Professione: Sarto, ragioniere, specialista in logistica.
  • L'unica cosa di me che non direi mai a nessuno? 😉 Delle difficoltà che sto attraversando.

Grazie ad Aija per il suo prezioso lavoro a Lativia! Anche se sono ancora pochi gli attivisti, non perde il suo spirito e la sua energia per combattere per l'UBI. Se anche tu sei convinto che UBI sia la strada giusta per il futuro dei lettoni e hai contatti in questo bellissimo paese, aiuta Aija a formare un forte gruppo di sostenitori!

E non dimenticare di sostenere la nostra lotteria UBI4ALL della scuola e il ECI e poi diffondi la notizia!


Aija e le sue amiche – insegnanti di lingua lettone Anita Ļustika (da sinistra) e Ieva Bargā, e la giornalista Ilze Brinkmane, al plein air improvvisato nella riserva naturale di Vecdaugava, Riga. Tutti – sostenitori di ECI UBI.

Articolo di Roswitha Minardi



tag

reddito di base, Lettonia, povertà, assicurazione sociale, sicurezza sociale, reddito di base incondizionato, welfare


Potrebbe piacerti anche

Iscriviti subito alla nostra newsletter!