agosto 26

Iniziare un anno con sollievo - I primi due mesi con UBI per Lucie

Foto di Guillaume Groult on Unsplash

Forse hai già “incontrato” Lucie, la studentessa francese di farmacia e vincitrice del nostro primo UBI4ALL, nei nostri canali social (Facebook, Instagram). La accompagneremo durante il suo anno in UBI e vedremo come e se una base finanziaria garantita influenzerà la sua vita, ovvero la sua carriera e la sua situazione personale. E vi terremo aggiornati sulla sua storia.

Una cosa che abbiamo già imparato è che ottenere un UBI non ha solo un impatto sul vincitore stesso, ma anche sulle persone intorno a lei. Prendiamo ad esempio i genitori di Lucie: quando hanno saputo che aveva vinto l'UBI da 800 euro per un anno, si sono insospettiti, hanno pensato che fosse una bufala! Non potevano credere che ci fosse un'organizzazione che regala soldi per "niente". Solo quando sua figlia ha mostrato loro il registrazione dal vivo dell'evento, in cui Lucie si è presentata spontaneamente dopo essere stata informata di essere la vincitrice, credevano che potesse essere vero!  

Un altro apprendimento è che le persone pensano a fondo su come spendere i soldi extra. In una delle nostre prime interviste Lucie si chiedeva se doveva iniziare le lezioni di pianoforte. Ciò significherebbe che potrebbe realizzare uno dei suoi sogni d'infanzia, ma ora, poche settimane dopo e in vista di iniziare la sua carriera dopo aver conseguito con successo la laurea, i suoi piani sull'utilizzo del denaro sembrano più pragmatici.

Questo è da un lato perché Lucie, che è cresciuta a Tolosa, ora vive vicino a Parigi a causa della sua carriera universitaria, dove gli affitti sono incredibilmente alti. Quando ha iniziato i suoi studi, viveva in un appartamento di 10 mq seminterrato composto da una sola stanza, dove poteva solo vedere i piedi delle persone che passavano attraverso la sua unica finestra. Per questo “appartamento” ha dovuto pagare quasi 600 euro al mese!

Quindi ecco l'apprendimento: un reddito garantito non è solo una possibilità per realizzare sogni o capricci personali. Di solito è prima di tutto una rete di sicurezza per la nostra vita quotidiana. Soprattutto in Francia, per Lucie, 800 euro non sono un biglietto per una vita oziosa.

“Per quanto sia bello avere 800 euro in più,
nessuno in Francia potrebbe vivere con quella cifra”.


Parleremmo con un vincitore in Romania, Lettonia o Portogallo, questo aspetto potrebbe essere diverso. Le realtà in Europa sono diverse, e quindi anche il nostro UBI da 800 euro cambierà vita in modo diverso a seconda della residenza di chi lo riceve. Ma ormai stiamo parlando con Lucie in Francia. Quindi vediamo come se la cava nel suo secondo mese con UBI. Cosa significa questo per lei in diverse prospettive?

Lucie, come hai vissuto le tue prime settimane con UBI?

Lucia: Dato che attualmente sto lavorando, non ha davvero cambiato la mia vita per il momento. Certo è stato molto bello vedere 800 euro in più sul mio conto, ma sto risparmiando i 2-3 primi mesi, perché il mio contratto di lavoro scadrà a settembre. In questo momento poi influenzerà un po' la mia vita, perché avrò un calo di reddito. Questo UBI è davvero il benvenuto per aiutarmi a trovare il tempo per trovare un lavoro che mi piace davvero, perché mi aspetto che ci vorranno alcuni mesi. Attualmente vivo in una zona molto costosa della Francia, quindi mi aiuterà davvero a scaricare un po' di pressione e concentrarmi maggiormente sulla ricerca di un lavoro che mi piace davvero.

Se non avessi l'UBI, perché dovresti provare così tanta pressione e ansia per trovare un lavoro?

Lucia: È un mercato molto competitivo e anche il tempo. Molti giovani stanno entrando nel mercato del lavoro e attualmente, a causa della crisi sanitaria, non ci sono molti posti di lavoro disponibili, quindi la concorrenza è davvero agguerrita tra i giovani. Dato che sono l'unico fornitore finanziario della mia famiglia (il mio compagno sta ancora studiando) sarei stato incline ad accettare il primo lavoro che avrei avuto. Ma ora che sento la sicurezza dell'UBI, mi sento più a mio agio a trovare un lavoro che mi piace molto.

Come hai conosciuto UBI4ALL?

Lucia: Ho cercato di fare ricerche su come mi sono imbattuto nel tuo progetto, ho controllato la mia posta e i miei messenger. Non riuscivo davvero a scoprire esattamente come ho conosciuto UBI4ALL. Penso che sia stato perché ho partecipato a petizioni online e la piattaforma mi ha proposto un elenco di altri progetti. Tra questi doveva esserci il collegamento al tuo progetto.

Roswitha: Hai firmato la petizione per ECI per UBI in Europa? Forse quella era la strada per UBI4ALL.

Lucia: Sì, l'ho firmato. Penso che questo fosse il caso.

Catarina: Questo è interessante e bello da sentire poiché UBI4ALL è stato creato per far conoscere alle persone non solo il nostro progetto, ma imparare a conoscere l'ICE e andare a firmare l'Iniziativa dei cittadini europei per il reddito di base incondizionato. È interessante vedere che sta accadendo anche il contrario. Quindi le persone si stanno impegnando nell'ECI e pensano: "Andiamo a dare un'occhiata a quest'altro progetto!". Freddo!

Lucia: Sì, ho visto UBI4ALL nella lista delle proposte per ulteriori progetti e ovviamente mi sono interessato e mi sono iscritto.

Per UBI come politica, è sempre stato un sostenitore di UBI? Hai avuto dubbi se potesse funzionare?

Lucia: Mi sono imbattuto in questa idea qualche anno fa, non ricordo esattamente quando. Poiché uno degli obiettivi dell'UBI è garantire che tutti abbiano abbastanza soldi per vivere, ovviamente sono favorevole a questo programma. Anche perché penso che potrebbe aiutare tanto le persone. Ad esempio, potrebbe dare ai lavoratori poveri un supplemento al loro reddito. Anche in caso di lavoro part time.
Non parliamo molto della situazione degli studenti, ma potrebbe davvero aiutare gli studenti, perché non avrebbero bisogno di lavorare oltre ai loro studi. Oggi lavorare come studente è un fattore di fallimento universitario. Questo potrebbe davvero aiutare questo gruppo di persone a finanziare la propria vita ea concentrarsi sui propri studi.
Un altro obiettivo dell'UBI è sostituire altri programmi sociali che potenzialmente richiedono un maggiore coinvolgimento burocratico. Sarebbe un utile sostituto di tutti i diversi programmi già esistenti in alcuni paesi. Parlando della Francia, abbiamo molti piccoli programmi, ma a volte è davvero difficile ottenerli perché può esserci un grande ritardo nella procedura. La burocrazia è davvero noiosa. È difficile persino conoscere tutti i programmi a cui puoi candidarti. L'UBI è solo una cosa quindi potrebbe semplificare la burocrazia e gli aiuti.
Sì, sarà costoso da implementare, ma penso che sia possibile. Potremmo trovare i soldi. Potremmo tassare le società più grandi, per esempio. Nelle notizie ho sentito parlare di tassare di più i GAFA, come Google, Amazon, ecc. Molte persone temono che sarebbe troppo costoso, ma se tagliassimo gli altri programmi di aiuto e implementassimo solo UBI potrebbe essere fattibile.

Roswitha: Ma non possiamo tagliare tutti gli aiuti sociali. Alcuni devono rimanere sul posto, ad esempio per le persone con bisogni speciali.

Lucia: Certo, per me che sono cittadina francese, gli ausili sanitari sono qualcosa di diverso. Forse in altri paesi non è così evidente distinguere tra assicurazione sociale e sanitaria.

Catarina: Tuttavia, il tuo punto di vista va oltre il semplice dire che abbiamo molti programmi, è molto burocratico, dovremmo tagliarli e sostituirli. Penso che tu voglia dire: no, il problema è che abbiamo molti programmi, ma le persone non possono ottenerli facilmente o non sanno nemmeno a quali possono applicare. Perché l'informazione è gigantesca. Penso che questo sia il prossimo aspetto del pensare all'UBI come a una politica più semplice non perché sia ​​più economica, probabilmente non lo sarà, perché altri programmi devono ancora esistere, come stavi dicendo, ma sarà più semplice per le persone divertirsi davvero esso. Soprattutto per chi ne ha bisogno, poveri o lavoratori poveri o tra un lavoro e l'altro o con famiglie numerose. Penso che sia un ottimo punto, grazie per aver condiviso questi pensieri.

Lucia: L'UBI non sta solo regalando soldi regalandone un po' alla gente. Faranno qualcosa con esso, tornerà nell'economia. Alla fine sarà una dinamica positiva. I destinatari non terranno tutto quel denaro, lo riporranno sotto i loro materassi e non se ne faranno nulla. Lo useranno forse per sviluppare la propria azienda, per comprare le cose di cui hanno bisogno. Magari un'auto ecologica, perché quando non vivi in ​​una grande città devi muoverti, soprattutto quando non ci sono infrastrutture. Alla fine sarà redditizio per tutti.

Credi che l'UBI avrà un impatto sulle donne e sulla parità di genere?

Lucia: So che le donne sono più a rischio di avere lavori a basso reddito e lavori part-time. Potrebbe davvero aiutarli a lottare di meno. Potrebbe davvero aiutare le mamme e i papà single a dedicare più tempo alla famiglia invece di fare due lavori. Penso che potrebbe aiutare.

Cosa diresti se qualcuno non fosse d'accordo con UBI?

Lucia: È divertente, in realtà ho avuto questa conversazione con un mio amico, che non è favorevole all'UBI. Ha paura dei costi e pensa che non motiveranno le persone a trovare un lavoro. Così ho parlato con lei. Certo sarebbe costoso metterlo a posto. Non sono un economista, ma penso che possiamo trovare modi per finanziarlo, come ho già detto, tassando le grandi società o l'1% dei ricchi più ricchi o dando meno soldi delle tasse ai militari, per esempio. Per me non è davvero un problema, perché manterrà l'economia in moto e quindi si rifinanzierà. Non credo che avrà i risultati sulla popolazione come lei crede. Dice, i ricevitori non troveranno un lavoro, rimarranno a casa e non faranno nulla. Penso che la maggior parte delle persone farà qualcosa con la propria vita. Non vogliamo fare niente tutti. Vogliamo creare cose, abbiamo progetti. Al contrario, aiuterà le persone a trovare progetti e a correre più rischi per creare qualcosa. Forse alcuni tornano a scuola per prendere una laurea, cose del genere. Capisco le sue paure, ma almeno potremmo fare un tentativo.
Ho chiesto al mio amico: “Se avessi 800 € in più al mese come me, cosa faresti? Lasceresti il ​​tuo lavoro e non faresti nulla, giocando ai videogiochi tutta la settimana?" Mi ha detto, no, che avrebbe continuato a divertirsi lavorando e facendo qualcosa nella sua vita. 

Catarina: Questo è un buon punto, chiedi alle persone cosa farebbero.

Lucia: Nessuno risponde che non farebbero nulla. C'è il lavoro e il lavoro, ad esempio prendersi cura della propria famiglia: ogni genitore direbbe che questo è molto lavoro, ma non è retribuito. Forse le persone impiegherebbero più tempo per lavorare, ad esempio nell'arte, ma non per lavori retribuiti.

Catarina: Abbiamo perso la fiducia nell'umanità. Parliamo sempre degli altri: i tossicodipendenti, nei programmi benefici, le persone povere o vulnerabili, le minoranze etniche, le madri con molti figli; quelli non funzioneranno. È molto facile parlare di stereotipi e gettarli nello stesso paniere, questo non è basato empiricamente. I casi empirici che tutti noi abbiamo, amici, famiglia, vicini, confidiamo che siano persone oneste e dirette e garantiamo per loro che continueranno a lavorare. Abbiamo davvero perso la fiducia negli altri e dobbiamo ripristinarla. Forse UBI può aiutare.

Roswitha: Sarebbe interessante vedere se la tua amica ha cambiato idea su UBI dopo il tuo anno in cui ci hai vissuto.

Lucia: Sì, parlerò molto di UBI con lei. È bello discutere con il mio amico, anche se politicamente siamo completamente opposti. Possiamo scambiarci argomenti, il che è sempre molto interessante, perché siamo entrambi di mentalità aperta. Non ci sgridiamo solo l'un l'altro. Forse non cambierà opinione, ma mi ascolterà.

************************************************** ********************************

Quindi, per Lucie l'UBI si è tolta un po' di peso dalle spalle. Aiuta la sua famiglia, può concentrarsi sull'inizio della sua carriera e solleva interessanti domande e discussioni sulla società e la convivenza.

Vediamo come si evolveranno le cose per lei nei prossimi mesi. Tieni traccia!

Divertiti e ispirati, Lucie! Grazie per l'intervista ea presto!

Lucie è stata intervistata da Catarina Neves e Roswitha Minardi.

Salva la data: settembre 20th il 2nd La lotteria UBI4ALL si svolgerà online. Unisciti a noi e scopri subito chi sarà il prossimo fortunato vincitore. Forse sarai tu?

PS: Nel caso in cui provieni dai media e sei interessato alla storia di Lucies, per favore contattaci.


tag

reddito di base, eci-ubi, Francia, Parigi, studente di farmacia, lotteria, Toulouse, ubi, ubi4all, reddito di base incondizionato


Potrebbero anche interessarti

Iscriviti subito alla nostra newsletter!